Muzeu Nicolae Grigorescu - Campina - Muntenia - Romania for All

Regione

Muntenia

Città

Câmpina

Museo Nicolae Grigorescu
Weather icon

Consiglio COVID-19: si prega di seguire i consigli del governo e controllare gli orari di apertura delle attività prima del viaggio. Scopri di più

Museo Nicolae Grigorescu

Il Museo è dedicato al pittore Nicolae Grigorescu (1838-1907), considerato uno dei pionieri della pittura romena moderna, ospitato nella casa dove egli morì. 

Nel 1939 Gheorghe Grigorescu, il figlio del pittore impressionista Nicolae, ha venduto al comune di Campina, 200 quadri e schizzi a penna e matita firmate dal pittore. Sembra che queste opere si trovino ancora al Museo d’Arte di Bucarest. 

Il museo aprì per il pubblico nel 1957 nella casa in stile valacco del 1902-1904. La casa bruciò durante la prima guerra mondiale e fu rifatta 50 anni più tardi. Nel museo ci sono degli oggetti che sono appartenuti al pittore, i suoi libri, fotografie, mobilio, oggetti personali., ecc.

La casa è composta dal pianterreno e un primo piano con un balcone in legno. Nell’ingresso sono stati sistemati degli oggetti di fattura orientale con vicino un quadro, con il quale l’artista ha voluto dimostrare il suo talento rappresentando la medesima scena in stile accademico per meta del quadro e in stile impressionista, per l’altra meta. Nel soggiorno dove lui incontrava i suoi amici, scrittori, artisti si trova una delle varianti di grandi dimensioni del “Carro con i buoi”. Le altre stanze sono la biblioteca e il suo atelier di pittura che propongono l’atmosfera quando il pittore vi lavorava. 

Il suo talento s’incontra negli affreschi dei monasteri Agapia (1860) e Zamfira (1856-1857) e nelle icone di Agapia, Alexa e Caldarusani.

Dal 1861 studia all’Ecole nationale superieure des Beaux-Arts di Parigi e fa parte del gruppo della Scuola di Barbizon.

Nel periodo 1877-1878, inviato sul fronte della guerra d’Indipendenza contro la Turchia, come “pittore al fronte” con i suoi abbozzi riesce a immortalare i momenti più significativi, a Rahova e Grivita. Nel 1885 finisce il quadro “di guerra” più importante nella storia pittorica romena: L’attacco di Smardan (nei pressi di Galati), quadro commissionatogli dalle istituzioni di Bucarest.

Tra il 1879 e il 1890 ha lavorato molto in Francia, a Parigi e in Bretagna. Dal 1890 lavora e abita a Campina dedicandosi ai quadri con soggetti campestri, popolari.

Dal 1899 diventa membro d’onore dell’Accademia romena.