Timișoara
Weather icon

La città chiamata anche la piccola Vienna oppure la città dei fiori, per l’anello dei parchi che la circonda si trova sul canale navigabile Bega. Il canale ha una lunghezza di 114 km (44 km in Romania e il resto in Serbia) e unisce Timisoara con la città serba di Titel. Il canale ha una […]

Per saperne di più
Timisioara Piata-Unirii

Consiglio COVID-19: si prega di seguire i consigli del governo e controllare gli orari di apertura delle attività prima del viaggio. Scopri di più

Timișoara

La città chiamata anche la piccola Vienna oppure la città dei fiori, per l’anello dei parchi che la circonda si trova sul canale navigabile Bega. Il canale ha una lunghezza di 114 km (44 km in Romania e il resto in Serbia) e unisce Timisoara con la città serba di Titel. Il canale ha una grande importanza nella vita sociale e economica della città.

La costruzione del canale comincia nel 1728 e quattro anni più tardi circola la prima nave fino a Pancevo. Grazie al canale Bega, Timisoara non subisce più inondazioni e i terreni circostanti vengono bonificati. Nel 1752 fu menzionato nei documenti il Porto Timisoara nel quartiere Josefino. Nel XIX secolo l’intera zona di Banat subisce 3 forti inondazioni. Timisoara è la prima città in Romania che ha un trasporto navale per le persone. Nel XX secolo è costruita la centrale idroelettrica e una serie di chiuse. Nel 1907 sono registrate 563 navi commerciali che navigano 305 giorni/anno. Il picco del traffico di passeggeri è registrato nel 1944 e delle merci nel 1938 ma smette di funzionare nel 1958, seguito dal fermo per i passeggeri nel 1967. Nel 2005 se registrano delle inondazioni catastrofiche nella zona Banat-Timis e nel 2008 cominciano i lavori di dragaggio e di ecologizzazione del canale.

La città è un importante nodo ferroviario, stradale e aeroportuale, è stata la prima città europea ad avere l’illuminazione stradale elettrica, nel 1884 e dal 1953 è l’unica città con 3 teatri, in lingua romena, magiara e tedesca. Timisoara è la sede della Filarmonica di Banat e la città ha avuto come ospiti Franz Liszt, Strauss, Brahms, Enescu e ha visto la prima della Traviata di Verdi il 9 febbraio 1855.  

Inoltre è un importante centro universitario.

Il suo nome in romeno, magiaro o tedesco è legato al nome di Timis, il fiume che passa a sud di Timisoara.

La zona fu abitata dal neolitico, in seguito s’insediarono i geto-daci che vengono colonizzati dai romani di Traiano che chiamarono il loro insediamento Tibisis oppure Tibiscus.

Dal 553 il territorio attuale di Timisoara è stato abitato per due secoli dagli avari, poi dai peceneghi, cumani, bulgari e valacchi, seguiti dai magiari.

La fortezza Timisoara è stata costruita probabilmente nel X secolo circondata da un canale con acqua. Il re magiaro Bela IV ha colonizzato la zona con sassoni che hanno ricostruito la fortezza. La prima attestazione controversa della città risale a 1212 oppure 1266. 

Timisoara conosce un periodo fiorente dopo la visita del Re ungherese Carlo Roberto di Angiò del 1307 che ordinò la costruzione di un palazzo reale. Durante il periodo dell’anarchia feudale Timisoara diventa capitale del Regno di Ungheria. Nel 1440 Giovanni di Hunyadi/Iancu de Hunedoara riceve la contea di Timis. Lui trasforma la città in un campo militare permanente. Il castello, la sua residenza rimane nel possesso della famiglia dei Corvin fino nel 1490.

Altri episodi storici importanti nella storia di Timisoara sono la rivolta dei contadini guidati da Gheorghe Doja, un piccolo nobile magiaro, nel 1514, che attacca Timisoara. Segue l’attacco del 1552 dell’esercito ottomano di Ahmed Pasa che conquista la città trasformandola in pascialato turco per 200 anni. Così le chiese diventano moschee, s’insediano molti musulmani, ma perlomeno viene mantenuta la pace.

In seguito a numerosi tentativi Eugenio di Savoia riesce a conquistare la fortezza nel 1716, diventando così città dell’Imperio Asburgico. Durante l’amministrazione austriaca furono costruiti i più bei palazzi in stile barocco. Nel 1718 fu costruita la prima fabbrica di birra, la seconda in Romania e nel 1745, il primo ospedale. 

Nel 1919 la regione Banat fu divisa tra la Serbia(Subotica), Romania e una piccola parte in Ungheria (Seghedino) istaurandosi per la prima volta l’amministrazione romena.

Alla fine del XIX secolo e inizio del XX secolo Timisoara conosce un periodo commerciale fiorente con la costruzione di fabbriche di alcool, di cappelli e di cioccolato ma anche una fonderia. Nel 1854 furono introdotti il tram trainato da cavalli e il telegrafo. Nel 1855 diventa la prima città dell’impero asburgico illuminata a gas. Nel 1881 furono installati i telefoni, l’illuminato elettrico pubblico e si asfaltano le strade. Nel 1899 è introdotto il primo tram elettrico, il secondo in Romania, dopo quello di Bucarest-1894.

Poiché aveva perso la sua importanza militare e la città aveva bisogno di espandersi cominciano a demolire le antiche porte della fortezza.

Un altro periodo sconcertante si registra negli anni 1919-1920 quando la regione vuole essere indipendente, su modello svizzero sotto la protezione della Francia.

Il 16 dicembre 1989 il protesto contro il trasferimento forzato del pastore riformato Laszlo Tokes si trasforma in un protesto contro il governo romeno di Bucarest. Il movimento di protesta si è esteso e il 20 dicembre 1988 Timisoara si auto dichiara la prima città libera del comunismo in Romania. 

Durante la visita della città si possono ammirare edifici con l’architettura tipica mitteleuropea dovuta all’occupazione asburgic.

Bastione Theresia
Castello Hunyadi
Museo del villaggio di Banat
Palazzo Dejan
Palazzo del Dicastero
Piazza dell’Unione
Piazza della Libertà
Piazza della Vittoria
Banat,Timișoara Bastione Theresia Rappresenta una parte delle fortificazioni della grande fortezza costruita in stile Vauban tra il 1723 e il 1765. Aveva nove bastioni e un importante ruolo di difesa. All’inizio del XX secolo siccome la presenza della fortezza impediva lo sviluppo della città, fu demolita. Per saperne di più
Banat,Timișoara Castello Hunyadi E’ il più antico monumento della città costruito nel 1443-1447, sulle rovine di un più antico castello del XIV secolo, da Giovanni Hunyadi/Iancu de Hunedoara, il padre del Re di Ungheria, Mattia Corvino. Il vecchio castello fu costruito da Carlo Roberto d’Angiò tra il 1307 e il 1315 e fu abitato dal re per otto […] Per saperne di più
Banat,Timișoara Museo del villaggio di Banat Il museo etnografico all’aperto sviluppato a partire del 1967, si trova fuori città, nel parco Bosco Verde / Padurea Verde e ospita una trentina di edifici rurali dell’Ottocento provenienti da diverse zone della regione Banat. Per saperne di più
Banat,Timișoara Palazzo Dejan Fu costruito nel 1735 e ricostruito parzialmente nel 1802. Inizialmente era la proprietà della famiglia di origine francese De Jean, che venne nobilitata dall’imperatrice Maria Teresa nel 1744 come Deschan von Hannsen. Una parte ospitava le scuderie e al primo piano c’erano le abitazioni. La costruzione è in stile neoclassico. In uno dei cortili funziona […] Per saperne di più
Banat,Timișoara Palazzo del Dicastero Fu costruito tra il 1850 e il 1854 in stile rinascimentale e rappresenta la copia del palazzo Strozzi di Firenze. E’ il più grande edificio di Timisoara, una costruzione monumentale con tre cortili interni, 273 stanze e 365 finestre. Ospita il Tribunale del Dipartimento di Timis. Per saperne di più
Banat,Timișoara Piazza dell’Unione E’ una delle più belle piazze della Romania, interamente pedonale, occupata da un ampio parco e circondata da bellissimi edifici in stile barocco, vivamente colorati e con preziosi elementi decorativi soprattutto nei cornicioni, alle finestre e nei portali. Al centro della piazza si trova la Colonna della Trinità / Monumentul Sf.Treime eretta nel 1740 in […] Per saperne di più
Banat,Timișoara Piazza della Libertà E’ considerato il punto zero di Timisoara ed è una delle più antiche piazze della città. E’ collegata a Piazza della Vittoria/Piata Victoriei dalla strada pedonale Alba Iulia. L’amministrazione asburgica aveva sede nel settecentesco Palazzo Militare. L’edificio compare nelle piante di Timisoara dal 1727, ed è considerato il più antico edificio che ha mantenuto la […] Per saperne di più
Banat,Timișoara Piazza della Vittoria E’ il punto di partenza per la visita della città da Sud verso Nord. La piazza è dominata dalla Cattedrale ortodossa del 1936-1946, con il suo bel tetto smaltato, sede della Chiesa Metropolitana di Banat. Il suo stile combina elementi di architettura bizantina e moldava antica. La Cattedrale ha undici torri e un’altezza di 83 […] Per saperne di più
Banat Transilvania – Castelli, Palazzi e Fortezze Culturali Per saperne di più
Banat Timișoara City Break Per saperne di più
Banat La via dell’oro Arheologici Per saperne di più