Nous serons au salon du tourisme Paris | 15-18 mars 2024
Hunedoara - Deva - Castelul Corvinilor

Regione

Transilvania

Castello dei Hunyadi/ Castelul Corvinilor
Weather icon

Consiglio COVID-19: si prega di seguire i consigli del governo e controllare gli orari di apertura delle attività prima del viaggio. Scopri di più

Castello dei Hunyadi/ Castelul Corvinilor

Il castello che si trova a Hunedoara è la più grande del XIV secolo, il monumento medievale meglio conservato dell’Europa sudorientale. È considerata una delle gemme architettoniche della Transilvania. Il castello, che sembra uscito da un libro di fiabe, aveva doppia funzionalità, militare e civile. È un vero spettacolo estetico, con le sue tre torri appuntite, ricoperte di tegole policrome, il ponte levatoio e le alte merlature.

Il castello, così come lo vediamo oggi, fu costruito da Iancu de Hunedoara, nel XV secolo, su dei resti di un’antica fortezza del secolo precedente, a forma ellissoidale con due torri triangolari. Fu innalzato direttamente sulla roccia. Iancu nato nel 1407, riceve come ricompensa dal Re ungherese Sigismondo de Lussemburgo, per il suo coraggio nelle battaglie contro i turchi, la fortezza e le proprietà confinanti. Fu principe di Transilvania, tra gli anni 1441-1456, il reggente di Ungheria tra gli anni 1446-1452, grande comandante militare e padre del Re Mattia Corvino.

Dal 1440 Iancu trasformò la fortezza in un castello aggiungendo delle torri circolari (Torre Capistrano, Torre Pustiu/Deserta/, Torre dei Tobosari/suonatori di tamburo, Torre Buzdugan/Clava) e due torri rettangolari. La forma circolare era una novità per quei tempi in Transilvania. Alle pendici della rocca scorre il torrente Zlasti.

La fortezza fu una delle più grandi e rinomate proprietà di Iancu de Hunedoara, in ungherese Janos di Hunyadi, governatore della Transilvania.

Un punto di interesse lo rappresentava il pozzo,  scavato tra le due mura delle fortificazioni,  profondo 30 m. Si dice che è stato scavato da tre prigionieri turchi per 15 anni, con la promessa della liberazione. Sopra c’è un’iscrizione “acqua hai, ma cuore, no”

Un’altra costruzione interessante la rappresenta la cappella, che si trova sul lato est del castello.  Presenta una navata rettangolare preceduta da un pronao dove le colonne esagonali sorreggono una galleria. L’altare è gotico.

Il palazzo si trova sul lato ovest ed è composto dalla Sala dei cavalieri, la Sala del consiglio/Dieta e della scala elicoidale. Le due sale presentano forme rettangolari, divise in due navate da cinque colonne ottagonali caratterizzate da delicate nervature in marmo con capitelli in stile gotico. Entrambi sono risalenti al 1453. Nella Sala dei Cavalieri si organizzavano pranzi festivi, invece nella sala del consiglio si organizzavano le festività ufficiali. 

Una costruzione militare è la galleria e la torre, a cinque livelli, dove si trovava la guarnigione del castello. La torre fu collegata al castello attraverso una galleria sospesa, lunga 33 m, appoggiata su dei piloni massicci.  Probabilmente dopo 1458, due anni dopo la morte di Iancu, fu costruita l’ala Mattia, composta di logge, con pittura a soggetto laico, unica in questa zona.  Probabilmente i lavori sono finiti nel 1480.  

Nel XVII secolo il principe Gabriel Bethlen fece delle modifiche ampliando e costruendo altri edifici. Anche l’interno della cappella subisce delle modifiche perdendo l’aspetto gotico delle sue finestre. Fu raggiunto un passaggio tra l’ala Bethlen e l’ala Mattia.  Fu costruita la Torre Bianca/Turnul Alb e la terrazza per l’artiglieria che serviva per le pesanti armi da fuoco.   Fu aggiunto il cortile esterno, chiamato degli ussari. Altri lavori di restauro furono eseguiti nel XIX secolo quando alcuni elementi decorativi in pietra furono sostituiti. 

Qua e là, sulle torri e nelle sale si conservano ancora dei resti degli antichi affreschi. 

Il castello fu usato spesso per le riprese cinematografiche come, per esempio, i film storici romeni e internazionali. Il primo regista fu Sergio Necolaesco con Michele il Bravo/Mihai Viteazu nel 1970, seguito da Nostradamus, Vlad, François Villon, Enrico VIII, Vlad the Impaler (2014), Alexandru Lapusneanu, David, Regii blestemati,/les rois maudits (2005) – mini-seria francese, Jacquou le Croquant (2007), Blood Rayne (2005), la biografia di Martin Luther, La Signora del Castello. I film realizzati sono da reality show con vampiri per la televisione statunitense, documentari per Discovery e Travel Chanel, thriller, fantascienza a film fantasy come “Blood-Rayne” (con Ben Kingsley) o “Ghost Rider” (con Nicholas Cage).

Nel 2016 gli Universal Studios di Hollywood hanno girato una super produzione o il film fantasy “Dragonheart 4” (Dragon Heart, quarto episodio). La produttrice è Raffaella De Laurentis. 

“Vlad the Impaler”, un film con la durata di quattro ore, è stato girato non solo a Hunedoara ma anche a Sighisoara, le cittadelle di Bran e Rasnov, Biertan, Palazzo Cotroceni e Museo Astra di Sibiu. 

https://www.youtube.com/watch?v=x51L8ZvDyBw